Lago di Como

Si chiude con un aumento di richieste del 52,4% il primo semestre del 2016 su Gate-away.com: la domanda di immobili italiani da parte di stranieri che vogliono comprare una seconda casa in Italia è in crescita.

Secondo il report semestrale pubblicato, la rimonta della Germania si fa sentire con la conquista del primo posto della classifica delle nazionalità da cui arrivano il maggior numero di richieste (15,16% sul totale) con un tasso di crescita (+119,25%). Gli Stati Uniti (14,27%) restano stabili al secondo posto come l’anno passato e la Gran Bretagna si posizione terza (13,67%). La top ten vede poi in lista la Francia (7,19%), il Belgio (6,78%), l’Olanda (5,60%), la Svizzera (4,88%), la Svezia (4,03%), il Canada (2,63%) e il Brasile (1,52%).

Gate-away.com ha potenziato la promozione della destinazione Italia e i risultati sembrano arrivare, attenuando gli effetti potenzialmente negativi della Brexit e la sua influenza su tutti gli altri Paesi europei. La battuta di arresto degli inglesi, sicuramente attribuibile al clima di incertezza del referendum, non ha ostacolato la crescita delle richieste britanniche, seppur con slancio minore rispetto al passato (22,28%). Non bisogna dimenticare che gli inglesi sono sempre stati lo zoccolo duro degli investitori immobiliari in Italia e da tempo hanno diretto il loro interesse verso zone defilate che richiedono budget meno impegnativi, offrendo ugualmente quanto desiderato. Un’opportunità in più per chi desidera vendere casa a compratori esteri.

liguria_350Israele e Olanda nei primi mesi dell’anno hanno sviluppato una crescita rispettivamente del 202,86% e del 102,59%: questa rinnovata preferenza per l’Italia come destinazione di acquisto potrebbe essere dovuta dall’attuale situazione geopolitica, ponendo il nostro Paese in vantaggio competitivo rispetto a Grecia, Turchia o Francia. Questo discorso vale più per Israele che per l’Olanda, visto che in realtà il forte interesse degli olandesi si è già manifestato da tempo, consolidando il trend nella prima metà del 2016.

Il report semestrale stilato da Gate-away.com restituisce l’immagine e lo stato di salute del nostro paese rispetto alle dinamiche della ricerca di una seconda casa in Italia. Mentre il prezzo medio delle proprietà richieste si attesta sui 435mila euro, oltre il 67% riguarda immobili che hanno un valore fino a 250mila euro e il segmento lusso si ritaglia una fetta consistente del 14,31%. La scelta cade soprattutto su immobili indipendenti più che su appartamenti, e la maggioranza delle richieste è per case abitabili (63,50%). Ben il 27,07% delle istanze è per immobili da ristrutturare, in parte o completamente: le occasioni per vendere casa agli stranieri si amplificano, visto che non sembra un problema affrontare i lavori per rinnovare o migliorare la propria casa dei sogni in Italia.