Casolare 5 stanze da letto 300 m²

Riferimento: Casale Bagnoregio

  • Prezzo: € 645.000
  • Stato: Completamente ristrutturato/Abitabile
  • Superficie abitabile: 300 m²
  • Classe Efficienza Energetica: D
  • Valore Efficienza Energetica: 172,87 kw
  • Stanze da letto: 5
  • Bagni: 3
  • Giardino: 3000 m²
  • Terreno: 15000 m²
  • Cantina
Distanza da:
  • Città più vicina: 2 Km
  • Spiaggia: 70 Km
  • Aeroporto:
  • Perugia PEG: 63 Km
  • Roma FCO: 95 Km
  • Roma CIA: 103 Km
  • Firenze FLR: 147 Km
  • Casale in pietra del XIX secolo nelle campagne di uno dei “Borghi più belli d’Italia” la suggestiva Civita di Bagnoregio, una meraviglia paesaggistica anche conosciuta come la “città che muore”. Siamo nel cuore della Tuscia, un territorio ricco di storia e archeologia come la Necropoli Etrusca di Tarquinia, Patrimonio dell’ Unesco. La posizione è strategica al confine tra Lazio Umbria e Toscana, a quindici minuti dal lago di Bolsena e da Orvieto, e a soli 100km da Roma, 90 da Assisi e 120 da Siena e a soli 70km dal mare. La regione è anche famosa per le sue numerose sorgenti termali, Saturnia, Viterbo, Chianciano, San Casciano dei Bagni e Bagno Vignoni. Senza dimenticare le famose regioni viticole che la circondano come Montefiascone, Montepulciano e Montalcino.  

    L’edificio, posto su una collina a 500 metri di altitudine, è circondato da un terreno di circa 18.000 metri quadrati, parte del quale caratterizzato da un bosco di magnifiche querce secolari. Una località estremamente tranquilla e sicura che gode in estate di una piacevole frescura che consente, nelle varie ore del giorno, di godere degli ampi spazi esterni e di rilassarsi all’ombra degli alberi, nel “giardino segreto” o nel porticato che affaccia a nord dell’edificio.

    Il casale è stato appena restaurato integralmente con rigore ed intento conservativo nel rispetto della struttura preesistente, con materiali originali e ricostruiti, con pavimenti in cotto provenienti da fornaci a legna locali e pavimenti in pietra basaltina “bocciardata”.  Gli imbotti delle finestre, del portone e delle pietre angolari dell’edificio sono quelle originali in basaltina con integrazioni realizzate da artigiani locali.  Infissi e travi sono in castagno,  rovere e quercia, il cancello del ’700 è in ferro battuto così come le grate delle finestre e gli altri elementi architettonici.

    Il casale è dotato di un’impiantistica  completamente nuova il cui terminale è organizzato in un apposito e moderno locale tecnico con un impianto elettrico ed elevato grado di protezione anche per eventi atmosferici importanti, un impianto  idraulico alimentato dall’acquedotto comunale, con serbatoio di sicurezza capiente 800 litri di acqua potabile, acqua sanitaria alimentata da pannelli solari, vasca in cemento interrata della capacità di 30.000 litri per la raccolta dell’acqua piovana  con pompe idrauliche che alimentano l’impianto di irrigazione.

    L’impianto di riscaldamento è alimentato da diverse fonti di energia:  gas metano, stoccato in un serbatoio interrato che alimenta una caldaia a condensazione;  un termocamino a legna; una termopellet. I radiatori sono elementi d’arredo in acciaio inox laccato.

     

    L’edificio principale misura circa 300 metri quadrati disposti su due piani.

    Al piano terra: un ampio ingresso con scala originale in pietra che porta al piano superiore. Una grande cucina tradizionale con camino “monumentale”, doppio lavandino in marmo di Carrara, decorazioni in maioliche artigianali di Castelvetrano e cucina professionale, a due forni , elettrico e a gas, con cappa e scaldavivande ad infrarosso. Una massiccia porta in legno del ‘700 accede al grande salone, l’originaria stalla, con termocamino e canna fumaria in rame che attraversa anche il piano superiore. Dal salone si accede, a nord, al porticato. Piccola cantina-ripostiglio. Una grande camera, con ingresso indipendente e bagno  completano il piano. Questa porzione dell’edificio è già predisposta per un eventuale appartamentino autonomo.

    Al piano superiore: dall’ampio vano scala si accede a tre camere da letto, a un bagno e a una grande camera  padronale con doppio bagno “ensuite” con porte del ‘500.

    L’annesso, un’antica porcilaia, e' un manufatto originale del ‘700, da restaurare, realizzato in pietra “a secco” delle dimensioni di circa 70 metri quadrati. E’ possibile, entro il 2015, la costruzione di un altro manufatto o l’estensione del preesistente di circa 80 metri quadrati.

    E’ inoltre possibile realizzare una piscina, sulla proprietà non esistono vincoli paesaggistici o idrogeologici.

    Completa la struttura una cantina/grotta - l’antica vasca di raccolta dell’acqua piovana -  che potrebbe essere trasformata in piscina coperta o invernale alimentata ad acqua calda.

    Ampio barbecue in tufo e refrattario.

     

    E’ disponibile la documentazione fotografica di tutte la fasi del restauro.
    Contatta il proprietario
    * campi obbligatori
    I tuoi dati verranno inoltrati a: Fabio Vannini