Stranieri a caccia di case in Italia – Il report semestrale di Gate-away.com

By settembre 20, 2017

Le opportunità legate alle richieste immobiliari estere sono davvero eccezionali. Ormai lo straniero che vuole comprare casa in Italia si affida quasi completamente alla ricerca online per capire cosa lo interessa, fare una cernita degli immobili che potrebbero davvero fare al caso proprio e prendere contatti. Lo step successivo è quello di venire in Italia, magari per fare le vacanze e allo stesso tempo visitare le case ha precedentemente visto su Gate-away.com: primavera ed estate sono i momenti in cui gli acquirenti esteri si spostano maggiormente e questo ha un effetto positivo per il comparto turistico.

Per questo motivo nel report del primo semestre 2017 di Gate-away.com abbiamo introdotto una novità nelle liste dedicate alle nazionalità, inserendo la voce degli acquirenti esteri che inviano richieste proprio quando si trovano in Italia in vacanza o per viaggi organizzati al fine di visitare gli immobili.

Nulla arresta la ricerca di una seconda casa in Italia da parte degli investitori internazionali

Né la Brexit, né il sisma e neppure la burocrazia e le tasse eccessive fanno da deterrente!

Nei primi sei mesi di quest’anno, la crescita delle richieste di immobili italiani da parte di stranieri si attesta al 25,42% rispetto ai dati del primo semestre del 2016. Tedeschi (15,86% delle richieste in arrivo), statunitensi (14,5%) e britannici (14,18%) sono i protagonisti della classifica, seguiti dai francesi (6,21%) e acquirenti esteri che inviano richieste dal territorio italiano (5,98%). Chiudono questa top ten delle nazionalità olandesi (5,33%), belgi (4,8%), svizzeri (4,4%), svedesi (3,51%) e canadesi (3,19%). Una nota per le richieste che arrivano dal Regno Unito: nonostante i timori legati alla Brexit e alla svalutazione della sterlina rispetto all’euro, stanno aumentando rispetto all’anno passato con un incremento del 25,38%, rimontando la classifica e diminuendo lo scarto rispetto agli americani. Il valore medio in euro degli immobili ricercati dagli inglesi è rimasto pressoché invariato ma nel frattempo è diminuito il potere di acquisto della valuta inglese e ciò dimostra una propensione ad investire somme maggiori per comprare casa in Italia.

La casa ideale degli stranieri in Italia

Le case indipendenti sono preferite ad appartamenti: tre richieste su quattro sono per questa tipologia di immobili, ma sembra che il trend sia in fase di cambiamento. Gli appartamenti crescono di quasi il 38% rispetto allo scorso anno offrendo molte più opportunità a coloro che hanno questa tipologia di immobile da vendere e ora possono puntare in maniera decisa sulla domanda estera. Oltre il 65% delle richieste riguarda abitazioni completamente ristrutturate o già abitabili, mentre sono quasi il 25% quelle per case da ristrutturare in toto o in parte. Il nuovo rappresenta una fetta pari a quasi il 10% delle richieste in arrivo su Gate-away.com.

Per quanto riguarda dotazioni e caratteristiche aggiuntive, piscina, giardino o terreno non sono indispensabili per attirare l’interesse dei compratori stranieri ma sicuramente rappresentano un elemento sempre apprezzato.

Nel primo semestre del 2017 i dati rivelano un aumento della propensione all’investimento. Crescono le richieste per immobili che hanno un prezzo superiore ai 250mila euro e cresce anche il settore del lusso dai 500mila euro, intercettando quasi il 15% delle richieste totali. In particolare, la fascia di prezzo fra i 500mila e il milione di euro vede un incremento maggiore. Questo sviluppo è confermato dal valore medio degli immobili richiesti rispetto al totale delle istanze, pari a 647mila euro.

Le località più gettonate dello Stivale

Come sono distribuite le richieste? La lista delle regioni vede al primo posto la Toscana con il 14,68% delle richieste ricevute. Exploit della Lombardia che si aggiudica il secondo posto (13,30% delle richieste) con un trend di crescita notevole di quasi il 75%. La Liguria è al terzo posto (12,11%) seguita da Puglia (10,79%) e Abruzzo (6,68%). Sardegna (6,68%), Sicilia (6,06%), Piemonte (5,53%), Umbria (4,32%) e Marche (4,06%) chiudono la top ten delle regioni più richieste.

Se si considerano le province, al primo posto troviamo la provincia di Como mentre nelle quattro posizioni successive si piazzano Imperia, Brindisi, Chieti, e Siracusa. Per quanto riguarda la lista delle città, Ostuni e Carovigno si confermano le più richieste, seguite da Siracusa, Scalea e Menaggio.

Un’altra novità di quest’anno introdotta nel report è la lista delle zone che riguarda aree di interesse che possono comprendere province o regioni diverse, un parametro che l’utente straniero può eventualmente inserire nella sua ricerca sul nostro portale. Fra quelle più richieste ci sono il Lago di Como, il Salento e la Valle d’Itria, seguiti da Lunigiana, Chianti e Lago d’Iseo. Chiudono la lista delle prime dieci zone della lista le Cinque Terre, la Maremma, le Langhe e il Lago Trasimeno.

Per agenti immobiliari e privati che vogliono vendere casa a stranieri la continua crescita delle richieste di immobili italiani all’estero rappresenta uno sprone per diventare più competitivi nel panorama internazionale, soprattutto per coloro che hanno immobili in regioni che attualmente non sono comprese nelle prime posizioni. Gli stranieri sono curiosi e desiderosi di scegliere zone a loro meno note, come lo era un tempo la Lunigiana rispetto al Chianti in Toscana, ad esempio, e spesso le regioni o le aree in posizioni retrostanti sono semplicemente quelle per le quali ci sono meno immobili in offerta e nel report rimangono indietro. Il consiglio è quello di investire in visibilità che diventa essenziale per agenti immobiliari e privati che vogliono aprirsi al mercato estero. Bisogna scegliere strumenti efficaci per essere presenti online, con annunci ben fatti e belle immagini: Gate-away.com farà il resto per ottenere massima visibilità all’estero: